Ultima modifica: 15 novembre 2017
Istituto Comprensivo "Primo Levi" > Piano Annuale delle Attività

Piano Annuale delle Attività

 

Il Piano annuale delle attività è utile a tutti gli operatori dell’Istituto perché contiene la pianificazione delle attività che si dovranno svolgere ed è un atto che responsabilizza gli operatori stessiin quanto esplicita gli impegni vincolanti per il raggiungimento del successo formativo degli allievi tramite:

  • la garanzia della qualità del servizio offerto in termini di rispetto delle aspettative dell’utenza interna ed esterna;
  • il perseguimento dell’organizzazione di una gestione razionale delle risorse;
  • il rispetto delle competenze e delle attitudini di ciascuno;
  • la costruzione di un sano rapporto relazionale sul posto di lavoro;
  • il contributo all’instaurazione di un “clima” che tenda al rispetto della norma e della legalità;
  • la dotazione di un sistema di controllo atto a garantire adeguamenti in itinere.

Il Piano annuale delle attività ha lo scopo di fornire alle componenti della scuola un quadro d’insieme di tutto ciò che è al momento prevedibile. Esso non è né può essere esaustivo e vi potranno essere altri impegni e riunioni per sopravvenute esigenze.

La Dirigenza modificherà tale piano solo per sopraggiunti motivi istituzionali o causa di forza maggiore non prevedibili all’atto della sua approvazione. I docenti dovranno pianificare i loro impegni evitando coincidenze con le riunioni di servizio. Le assenze durante tali attività vanno gestite allo stesso modo delle assenze dal servizio antimeridiano e quindi vanno comunicate preventivamente e con congruo anticipo al Dirigente e giustificate. Le attività programmate sono quelle definite contrattualmente (“attività funzionali all’insegnamento”art. 29 lettera a) e b) del CCNL 06-09).

Il Piano annuale esplicita tutti gli impegni collegiali ordinari e la durata prevista. Qualora nelle riunioni del Collegio dei Docenti non si esaurisca l’o.d.g. entro il tempo programmato, si procederà con l’aggiornamento della riunione per il completamento dei punti rimanenti in un giorno utile successivo la data di prima convocazione. Gli ordini del giorno del Collegio dei Docenti e dei Consigli di Classe possono essere integrati/modificati con ulteriori punti determinati da situazioni nuove e/o da richieste di integrazione fatte pervenire al Dirigente scolastico.

Si  ritiene  inoltre  di  riservare  una  quota  non  prevista  per  eventuali  ulteriori  esigenze  inerenti  alla programmazione o ad eventuali novità legislative che si presentino in corso d’anno.

Partecipazione ai Consigli di intersezione, interclasse e di classe e ai Collegi Docenti

I docenti impegnati con orario cattedra articolato su più sedi avranno di cura di verificare l’avvenuta acquisizione, presso la nostra segreteria, attraverso il ROP, degli impegni delle attività delle istituzioni scolastiche ove completano. Sarà cura della nostra segreteria trasmettere le informazioni corrispondenti. Coloro che prevedono di superare le 40h previste al punto a) art 29 e le 40h al punto b) art 29 di attività di carattere collegiale faranno pervenire al DS una proposta di programmazione delle presenze entro il 30 settembre 2017. In assenza di comunicazione si provvederà d’ufficio ad individuare le riunioni a cui il docente sarà tenuto a partecipare. In caso di raggiungimento del monte ore previsto contrattualmente questo dovrà essere certificato dal docente. Sarà cura dei docenti segnalare con la massima tempestività sovrapposizioni di calendario fra più piani di attività in relazione alle proprie sedi di servizio.

I docenti con orario cattedra completo in servizio in altre sedi ed i docenti con contratto di lavoro part- time parteciperanno alle attività di cui alla lettera a) e b) dell’art. 29 secondo una quota proporzionale al loro orario di servizio presso l’Istituto Comprensivo “Primo Levi” come da nota.

I docenti in servizio unicamente presso la nostra sede con un orario incompleto parteciperanno alle attività del piano in modo analogo ai docenti con cattedra orario completo alle attività di cui alla lettera a) e in relazione alle classi loro affidate per quelle della lettera b).

Si ricorda che le attività funzionali all’insegnamento sono costituite da ogni impegno inerente alla funzione docente. Comprendono tutte le attività, anche a carattere collegiale, di programmazione, progettazione, ricerca, valutazione, documentazione, aggiornamento e formazione, compresa la preparazione dei lavori degli organi collegiali, la partecipazione alle riunioni e l’attuazione delle delibere adottate dai predetti organi.

Tra gli adempimenti individuali dovuti rientrano le attività relative:

  1. alla preparazione delle lezioni e delle esercitazioni;
  2. alla correzione degli elaborati;
  3. ai rapporti individuali con le famiglie.

Le attività di carattere collegiale riguardanti tutti i docenti sono costituite da:

  1. CCNL 07 29 comma a: impostazione della Programmazione annuale, Collegio docenti, informazione alle famiglie su risultati scrutini (1°quadrimestre) e andamento attività educative (colloqui generali), quota oraria disponibile per formazione e/o studio e ricerca
  2. CCNL 07 29 comma b: Consigli d’intersezione/ d’interclasse/ Consigli di classe, Programmazione bimestrale e verifica. Assemblee genitori
  3. Lo svolgimento degli scrutini e degli esami, compresa la compilazione degli atti relativi alla valutazione sono atti dovuti e pertanto non rientrano nei conteggi delle 40+40 ore di attività funzionali all’insegnamento previste dal CCNL

Si precisa quanto segue:

  • Qualsiasi superamento dei limiti fissati nel presente Piano, se non autorizzato preventivamente dal Dirigente, sarà  considerato  prestazione  volontaria  e,  in  quanto  tale,  non  darà  diritto  ad  alcun compenso
  • I docenti della Scuola Secondaria, entro il 30 settembre 2017,comunicheranno al Collaboratore del Dirigente, per iscritto, l’ora di colloquio antimeridiano con le famiglie
  • Tutte le attività relative alle FS/organizzative retribuite con il F.I.S (Fondo d’Istituto) in modo forfettario non rientrano nel conteggio delle ore contrattuali.

Nota

La previsione di impegno per i docenti è considerata su base 18 ore di servizio chi ha un orario superiore (19-20 ore) deve incrementare proporzionalmente il budget delle 40 ore lettera a) e lettera b) ES. 19 ore incremento di 2 ore, 20 ore circa di 4 ore.

La previsione di impegno per i docenti che hanno assegnazione su più sedi dovranno calcolare i rispettivi monte ore con un criterio di diretta proporzionalità in base al monte ore di servizio nella sede. Nel caso il monte ore così ottenuto sia superiore al limite delle 40 ore previsto dal contratto deve essere comunicata al Dirigente. La presenza alle diverse attività dovrà quindi essere concordata con il Dirigente al fine di non superare il monte ore previsto. Il piano di partecipazione su proposta del docente dovrà essere definito entro il 30.settembre.2017.

I docenti con orario di servizio part-time calcoleranno applicando un criterio di diretta proporzionalità il proprio monte ore (es. 12 circa 27 ore).

Si allega il Piano Annuale (prima stesura) approvato con delibera n°28 del 12 /09/2017.

 

 

 




Link vai su